+39 335 800 7236
f.franceschi@unicampus.it Prenota una visita

Prof. Francesco FRANCESCHI - Chirurgo Ortopedico

Direttore Unità Operativa "Chirurgia dell'Arto Superiore e Inferiore" del Policlinico Universitario Campus-Biomedico di Roma




IL GINOCCHIO : ANATOMIA, PATOLOGIE E TRATTAMENTI

Il ginocchio : anatomia, patologie e trattamenti

In questa sezione, oltre ad una sintetica descrizione dell'anatomia, sono riportate informazioni sulle più frequenti patologie del ginocchio e sulle modalità di trattamento ad esse associate.

Sono inoltre disponibili alcuni filmati di interventi chirurgici in Artroscopia, effettuati dal Prof. Franceschi e dalla sua equipe.
ANATOMIA DEL GINOCCHIO
Il ginocchio è un'articolazione mobile e complessa che, permettendo di camminare, sedere, salire e accovacciarsi, viene sottoposta a forze che si esprimono contemporaneamente su più piani, inducendo a notevoli sollecitazioni le strutture ossee, capsulari, meniscali, legamentose e miotendinee.

Per questo motivo è una delle articolazioni più colpite da infortuni, in particolare menischi e legamenti.

Ogni ginocchio ha due menischi, uno detto mediale e l'altro laterale, di forma grossolanamente a ferro di cavallo, adagiati sulla superficie tibiale dell'articolazione del ginocchio.

Essi sono addossati e fusi con la capsula articolare e possiedono una discreta mobilità e deformabilità che consente loro di adattarsi ai mutamenti spaziali che si verificano durante i diversi mutamenti articolari.

La principale funzione dei menischi è quella di stabilizzare il movimento di scivolamento e rotolamento dell'estremità femorale, grossolanamente sferica, su una superficie piatta quale è quella della tibia.

Fondamentali per la tenuta del ginocchio sono invece i legamenti, il cui compito è quello di opporsi alle forze di stress rendendolo stabile.

I Legamenti Crociati si trovano al centro del ginocchio e stabilizzano il femore e la tibia in senso antero-posteriore.

I Legamenti Collaterali si trovano ai lati del ginocchio e stabilizzano il femore e la tibia nei confronti degli stress in varo e in valgo.

Inizio pagina